ACCEDI A logo-cat

Hai dimenticato la tua password?

Inserisci il tuo indirizzo mail per ricevere il link per reimpostare la tua password.

loader

ACCEDI A logo-cat

Ti abbiamo inviato una mail

Clicca sul link e segui le istruzioni per reimpostare la tua password. Se non hai ricevuto la mail, per cortesia controlla la posta indesiderata.

ACCEDI A logo-cat

Ti abbiamo inviato una mail di conferma.

ACCEDI A logo-cat

Mandami nuovamente la mail di conferma

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere mail di conferma.

loader

FEED.

Quando il gattino diventa adulto

Una tappa alla volta: tenersi al passo con le esigenze in evoluzione del proprio gattino

Dallo svezzamento all’anzianità, il tuo piccolo amico felino subirà moltissimi cambiamenti fisici e comportamentali che, tra le altre cose, porteranno con sé anche un cambiamento delle sue esigenze nutrizionali.Uno dei passaggi più importanti della vita del tuo gatto sarà quello che lo vedrà trasformarsi da adorabile e vivace micetto ad altrettanto adorabile gatto adulto.Un altro importante passaggio nella vita di molti gatti arriva con la castrazione, che richiede ulteriori modifiche alla dieta, tra cui un’eventuale riduzione delle calorie. Con tutti questi passaggi, per te e il tuo gatto sarà tutto più facile se riuscirai a capire i cambiamenti che lo aspettano. Essere preparato ti farà stare tranquillo e ti darà la certezza che il tuo adorato compagno rimarrà in salute e in forma in ogni fase della sua vita.

Quando un gattino diventa adulto?

Esigenze nutrizionali e fasi della vita

Fino all’età di sei mesi, il tuo gattino cresce a un ritmo rapidissimo.Dai sei mesi in poi, il suo ritmo di crescita rallenta notevolmente. A dodici mesi, il tuo curioso amico probabilmente ti sembra ancora un gattino ed è più che probabile che combini un sacco di guai. Ad ogni modo, tra i nove e i dodici mesi, molti gattini hanno quasi raggiunto la loro taglia adulta. A un anno, il tuo gattino viene considerato adulto (anche se pensi che non si comporti come tale!).

Esigenze nutrizionali e fattori dello stile di vita

Quando il tuo gattino passa all’età adulta, è importante rimanere al passo con le sue esigenze in evoluzione. Oltre al ritmo di crescita più lento, le sue esigenze nutrizionali dipendono da alcuni fattori legati allo stile di vita. Tra gli altri, alcuni di questi possono essere la minore attività fisica, a seconda che il tuo gatto abbia accesso a uno spazio esterno o meno, se è stato castrato e se è il capo oppure se deve condividere la sua casa con altri cani o gatti, cosa che lo manterrà più stimolato rispetto alla vita da single. Ad esempio, come ci si potrebbe aspettare, un giovane gatto adulto che ha accesso a uno spazio esterno e che a volte gioca con un altro animale domestico avrà un maggior fabbisogno calorico rispetto a un gatto senza compagni che vive in casa, con uno stile di vita più sedentario

Quando il gattino diventa adulto

LEGGI DI PIÙ

Come capire le esigenze nutrizionali del gattino

Probabilmente, il primo passo per un benessere che dura per tutta la vita del tuo gatto è capire come e perché le esigenze di un gattino differiscono da quelle di un gatto adulto. Il tuo affamato gattino, che ha uno stomaco di capacità ridotta, non solo necessita di più porzioni di cibo al giorno (a volte sono necessari anche 18 pasti di giorno e di notte per saziare un gatto che vive libero in natura), ma ha anche bisogno di cibo con un elevato contenuto proteico, di grassi, ed equilibrato dal punto di vista dei minerali, per poter soddisfare il suo fabbisogno energetico. Dopo tutto, per diventare grandi bisogna mangiare!

Oltre a ciò, come sai bene, i gattini consumano un sacco di energie! Per giocare intensamente, scatenarsi e crescere, è molto importante che il tuo amico a quattro zampe segua una dieta di elevata qualità, completa dal punto di vista nutrizionale ed equilibrate. In questo modo, avrà una base sana per il resto della sua vita. Di conseguenza, solitamente si consiglia di offrire all’amico felino alimenti appositamente formulati per i gattini per tutto il primo anno di vita.

Il passaggio all’età adulta e i cambiamenti dello stile di vita: come cambiano le esigenze nutrizionali del tuo gatto

Quando il gattino ha raggiunto l’età di sei mesi, all’avvicinarsi della sua maturità sessuale, si ritiene che sia arrivato il momento giusto per valutarne la castrazione. Per motivi di salute, molti veterinari spesso consigliano una castrazione precoce, quando il gattino ha tra i quattro e i sei mesi. È importante sapere che la castrazione avrà alcune conseguenze sull’appetito e sul metabolismo del tuo gatto. Ad esempio, la capacità di bruciare calorie di un gatto castrato cambierà e il peso potrà aumentare rapidamente anche del 20%. Esiste inoltre la possibilità che sia più propenso a mendicare cibo nel tentativo di soddisfare la fame più intensa. Per tutti questi motivi, è fondamentale prestare molta attenzione al suo peso durante il periodo di 18 settimane potenzialmente difficile che segue la castrazione, controllando attentamente il suo consumo di cibo.

 

1 Il WALTHAM Centre for Pet Nutrition. https://www.waltham.com

Il passaggio dal cibo per gattini a quello per gatti adulti

I gatti adulti necessitano di meno cibo data la minor attività fisica (sì, la tua iperattiva palla di pelo un giorno rallenterà i suoi ritmi), per il fatto che crescono molto meno rapidamente e per il metabolismo meno attivo, in caso di castrazione. Di conseguenza, solitamente all’età di un anno, è meglio passare dal cibo per gattini a quello per gatti adulti, dal minor contenuto proteico e di grassi. Tuttavia, in caso di castrazione, può essere meglio che il tuo gattino passi prima (dai sei mesi a un anno) al cibo per gatti adulti, a seconda del parere del tuo veterinario, e quando sono evidenti tutti i segni del fatto che la crescita del corpo è completa. Tutto dipende dal contenuto nutrizionale della formula alimentare scelta (ad es. ricetta per gattini o per gatti sterilizzati dai sei ai dodici mesi).

L’arte di un passaggio senza problemi

Il passaggio dal cibo per gattini a quello per gatti adulti deve avvenire gradualmente e richiede un po’ di organizzazione. Un passaggio troppo rapido può infatti comportare problemi digestivi per il tuo gatto. Un cambiamento graduale nel corso di 5-8 giorni è la cosa migliore per consentirgli di abituarsi alla nuova dieta. Comincia mescolando una piccola quantità, diciamo il 10%, di cibo per gatti adulti e di cibo per gattini. Aumenta la percentuale del cibo per gatti adulti ogni due giorni. Di norma, entro il settimo o l’ottavo giorno il tuo gattino avrà superato con successo il cambiamento. Se non l’hai già fatto, ti consigliamo di introdurre con regolarità diversi sapori e consistenze di cibo, compreso secco e umido. In questo modo, sarai sicuro che il tuo gatto non diventerà schizzinoso. Inoltre, ad alcuni gatti per natura piace la varietà.

Il controllo del peso del giovane gatto adulto

Con la crescita e con il passaggio al cibo per gatti adulti, è particolarmente importante tenere sotto controllo il peso. Per permettere al tuo gatto di mantenere il peso giusto, potresti provare ad aggiungere del cibo umido a quello secco che già consuma. Il cibo umido presenta inoltre il vantaggio di contenere una percentuale d’acqua molto più elevata rispetto al secco, cosa che è sempre positiva per il tuo gatto. Puoi anche provare dei “puzzle feeder”, rompicapi che contengono cibo, per stimolarne la mente. Infine, puoi aiutare il tuo gatto a mantenere il peso giusto interagendo regolarmente con lui mediante i giocattoli che adora per favorirne l’esercizio fisico.

Il gatto sottopeso

Molti di noi si preoccupano che il proprio gatto sia in sovrappeso, ma è altrettanto importante fare in modo che non sia sottopeso. Se il tuo giovane gatto adulto è magrolino o improvvisamente rifiuta il cibo, ti consigliamo di consultare il tuo veterinario. La perdita di peso può essere sintomo di qualche problema di salute, oppure del fatto che le esigenze nutrizionali del tuo gatto non vengono soddisfatte. Il tuo veterinario saprà consigliarti eventuali modifiche da apportare alla dieta. In particolare, ti consigliamo di sverminare il tuo gattino non appena è svezzato, per evitare problemi di crescita dovuti ai parassiti intestinali. Consulta il tuo veterinario per conoscere la frequenza con cui deve avvenire la sverminazione.

L’essenza di una nutrizione ottimale per il tuo gatto è: ne vale la pena!

Come vedi, la crescita del tuo gattino non deve per forza essere difficile per lui o stressante per te, purché tu conosca i cambiamenti fisici e/o comportamentali a cui andrà incontro in un breve lasso di tempo entrando nell’età adulta. In particolare, è importante non sottovalutare il ruolo centrale che una nutrizione corretta svolge nello sviluppo del tuo gattino. Prima adotti una dieta bilanciata dal punto di vista nutrizionale e adeguata all’età del tuo gatto, meglio sarà per lui in termini di benefici reali e duraturi per la sua salute.